come spostare facebook su sdcard, whatsapp sdcardIl mio primo smartphone rigorosamente con sistema operativo Android è ancora un Nexus One con i permessi di root. Ha solo 512 MB di memoria interna e le applicazioni cominciano a starci un po’ strette. Facebook e Whatsapp, ad esempio dopo i vari aggiornamenti, sono “cresciute” ed occupano un po’ troppo spazio nella memoria interna del telefono: dei suoi 512 MB di cui solo 190 disponibili per le applicazioni me ne rimangono ora solo 25. Troppo pochi, non posso aggiornare le varie app (abbreviazione di “application”, applicazione) perché non ho abbastanza spazio ed inoltre il telefono comincia a non funzionare come dovrebbe. Gmail ad esempio non scarica più la posta quando scendo al di sotto dei 25 MB… Purtroppo alcune applicazioni come Facebook, Whatsapp, Google Maps e la stessa  Gmail, essendo applicazioni di sistema, non si possono spostare direttamente su SD card. Non si possono spostare direttamente…

Per ora vedremo come spostare Whatsapp (aggiornamento: qui c’è la guida per spostare facebook). Per Gmail, Maps e Facebook vi rimando ad una prossima guida. Ok, iniziamo. Cosa serve? Un minimo di dimestichezza con operazioni su file e cartelle e l’Android SDK che potete scaricare da qui. Cliccate sul segno di spunta per accettare la licenza e scegliete la versione a 32 o 64 bit. Se avete Winzozzo a 64 bit dovrete scegliere ovviamente tale versione. Scaricate e scompattate in una cartella l’archivio zip. Tenete presente che il nome della cartella contenuta nell’archivio al momento in cui scrivo è: “adt-bundle-windows-x86_64″. Io ho scaricato nella cartella Documents la versione a 64 bit per cui il nome della cartella sarà diverso se scaricherete la versione a 32 bit.

Ci occore anche il driver USB per far riconoscere il telefono a Winzozzo (perché su Linux no invece? W Linux!) una volta collegatolo col cavetto USB.

SOLO se abbiamo un telefono sviluppato direttamente da Google, come il Nexus One, il Nexus S oppure il nuovissimo Nexus 4, dobbiamo scaricare il driver dall’ sdk manager cliccando su “Install 1 package” come mostrato nella figura sottostante:

Installiamo i driver che abbiamo scaricato (si troveranno in adt-bundle-windows x86_64\sdk\extras\google) tramite Gestione Dispositivi, solo se abbiamo un telefono prodotto direttamente da Google altrimenti saltiamo anche questo passaggio.

Se invece non abbiamo un telefono prodotto da Google, dobbiamo recarci qui per cercare il driver USB in questione a seconda  del produttore del vostro telefono. I driver per gli smartphone Samsung invece si trovano qui. Dopo averli scaricati installiamoli. Solitamente basta cliccare su Setup.exe altrimenti dietro pagamento anticipato posso fare tutto io per voi.

Colleghiamo il telefono al computer tramite cavetto USB in dotazione ed attiviamo la modalità Debug USB andando dal telefono nel menu Impostazioni->Applicazioni->Sviluppo e tocchiamo Debug USB. Ora dal computer apriamo la finestra di terminale cliccando sul menu Start e poi su Esegui… scriviamo cmd, premiamo invio e questo sarà il risultato:

android1

Ora diamo in sequenza questi comandi per entrare nella cartella che contiene finalmente il magico comando che ci permetterà di spostare quelle applicazioni che non ne vogliono proprio sapere di spostarsi sulla scheda micro sd. Il primo comando è:

cd Documents\adt-bundle-windows-x86_64

e sarà diverso dal vostro. Io ho scaricato l’archivio zip nella cartella Documents ed inoltre ho scaricato la versione a 64 bit per cui il nome della vostra cartella sarà diverso. Continuiamo con i comandi:

cd sdk\platform-tools

ora accertiamoci che il telefono sia riconosciuto:

adb device

Se vedete una linea di output come nel mio caso sotto: “List of devices attached” e come da figura allegata siete a cavallo, altrimenti significa che Winzozzo non riconosce il telefono per via dei driver non installati:

android3

Ora scriviamo adb shell, diamo invio e finalmente pm SetInstallLocation 2 e diamo invio.

android4
Per uscire scriviamo exit e di nuovo exit per chiudere la finestra nera. Et voilà, ora possiamo recarci su Impostazioni->Gestisci Applicazioni e spostare quelle applicazioni che non ne volevano sapere di spostarsi sulla micro SD e risparmiare spazio sulla memoria interna del telefono. Nella figura si può vedere come Whatsapp è su scheda SD e non più nella memoria interna del telefono:

android5

Per riportare tutto alla normalità sostituite 0 a 2. Spero che la guida vi sia piaciuta. Se ci sono delle imprecisioni fatemele notare. Ad esempio il mio Nexus One ha i permessi di root, e tutto ha funzionato bene, se il vostro telefono non ha tali permessi la guida potrebbe non essere valida…

 


Condividi il post con i tuoi amici, mi aiuterai a diffondere il blog. Grazie :)